Ariosto, Parafrasi del 2° canto “La Pazzia di Orlando” Parte 1

14 09 2006

L’ imprevedibile percorso ,per il bosco privo di sentieri, che prese il cavallo di Mandricardo fece si che Orlando vagò due giorni a vuoto, nè lo trovò, nè ne ebbe traccia. Arrivò a un ruscello che sembrava cristallo, sulle cui sponde fioriva un bel prato dei colori della natura  ed era variamente ornato da bei cespugli. La calda ora del mezzogiorno rendeva gradita l’ ombra all’ armamento e al cavaliere; così che neppure Orlando provava alcun brivido freddo, sebbene avesse la corazza. Qui Orlando entrò per riposare in mezzo ai cespugli e vi trovò una dimora angosciosa e funesta,più di quanto si possa dire, quello sfortunato giorno. Girnado qui intorno vide sulla riva dell’ ombroso fiume molti arberelli con scritte (incise). Non appena ebbe gli occhi fermi e fissati con maggior attenzione fu sicuro che furono scritti dalla dea del suo cuore. Questo era uno di quei luoghi già descritti, dove spesso Medoro veniva dalla casa del pastore, lì vicina, a vedere Angelica. Vede Angelica e Medoro intrecciati in diversi modi, e in diversi luoghi. Tante sono le lettere, tanti sono i chiodi con i quali Cupido gli ferisce e punge il cuore. Va  a cercare in mille modi con il pensiero, di non credere quello a cui, suo malgrado, crede: si sforza di credere che sia un’ altra Angelica ad aver scritto il suo nome sul quella corteccia. Poi dice: “ Io conosco la grafia di queste lettere:  di queste (lettere) ne ho viste e ne ho lette tante. Potrebbe essersi inventata questo Medoro: forse mi ha dato questo soprannome”. Con tali opinioni remote, continuò ad assillare se stesso; il malcontento di Orlando stette nella speranza , che seppe procurare a se stesso. Ma  più cerca di dimenticare il crudele sospetto, più si riaccende  e si rinnova: come il disattento uccello che finisce in una ragnatela o sui rami invischiati, quanto più batte le ali e più prova a liberarsi, più si lega stretto. Orlando vide dove si incurva la montagna  come un arco (formando una grotta) edere e viti rampicanti avevano ornato l’ ingresso (di quella grotta) con i loro fusti contorti. Nei giorni più caldi, qui erano soloto a stare abbracciati i due felici amanti. C’erano i lorno nomi dentro e intorno (alla grotta) più che nei luoghi circostanti. Erano scritti alcuni con il carbone, altri con gesso e altri erano impressi con punte di coltelli. Qui scese il triste cavaliere; e vide sull’ entrata della grotta tante parole, che erano state scritte dalla mano di Medoro, e sembravano esser state scritte proprio in quel momento. Per  esprimere il grande piacere che provò (con Angelica) nella grotta, aveva composto questa iscrizione in versi. Io penso che fosse poeticamente elaborata in arabo (lingua di Medoro), ed era tale il senso nella nostra lingua: “ liete piante, verdi erbe, limpide acque, grotta ombrosa e gradevole per la fresca ombra, dove la bella Angelica nacque di GALAFRON, è stata amata invanamente da molto, spesso nelle mie braccia giacque nuda; dei piaceri  che qui mi sono stati dati, io povero Medoro non posso ricompensarvi in altro modo, se non lodandovi in ogni momento; e di pregare ogni signore che vi ha amato, e cavallieri e damigelle e persone ,del posto o forestiere, che capiti qui intenzionalmente o percaso; che all’ erba, all’ ombra, all’ ingresso (delle grotta) al fiume e alle piante dica: che sole e luna vi siano favorevoli, e vi protegga il coro delle ninfe dai danni che potrebbero recare le greggi condotte lì da qualche pastore.”. era scritto in arabo, che il cavaliere capiva bene come il latino: tra molte lingue e molte che possedeva, il paladino sapeva benissimo quella; egli fece evitare più volte danni e scontri, quando si trovò tra il popolo saraceno:  ma non si rallegri, se altre volte (la conoscenza dell’ arabo ) gli fu propizia; perche’ ora gli arreca un danno tale da cancellare tutti i vantaggi ottenuti. Lesse tre, quattro, sei volte la triste poesia, anche cercando invano (di immaginare) che non ci fosse quello che l’ aveva scritta; ma gli risultava sempre più chiaro e facile da comprendere (l’ esistenza di Medoro): ed ogni volta (che leggeva) si sentiva stringere il cuore in messo al petto afflitto. Rimase lì con gli occhi e con il pensiero rivolti al sasso, impetrito. Fu allora che impazzì, così che tutto il preda al dolore si abbandona. Credete a chi l’ ha provato su se stesso ,che questa e’ la sofferenza (d’ amore) che fa passare tutte le altre. Gli era caduto il mento sopra il petto (testa bassa), la fronte era priva di rughe ed era bassa; non potè aver e (che il dolore l’ occupò tanto) voce per lamntarsi o lacrime per piangere. L’ ilpetuoso dolore, che voleva uscire con troppa fretta, rimase dentro.

Annunci

Azioni

Information

31 responses

21 01 2007
lorenza la mejo

grazie a school update ho breso un bel 9 a letteratura..grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!

15 02 2007
daniela

vorrei se possibile la parafrasi della morte di orlando con l’olifante, mi aiutate a trovarla per mio figlio, scrivetemi via internet, grazie

15 02 2007
daniela

ho necessita d’ avere la speigazione della morte di orlando : ddd0102@libero.it
grazie

23 02 2007
jessy

grandi mi avete aiutato per la verifica!!!!!!!!! orlando consolati capita a tutti jessy 2 cls cremona

20 03 2007
LOLLO

grazie per ariosto ieri ho preso 10

29 05 2007
Ylenia Minei

1000 grazie per avermi salvata da un’interrogazione difficile! Vi amo e domani vi faccio sapere com’è andata.
P.S.
(vi amo)^3

4 10 2007
karmen

mi servirebbe la parafrasi della morte di orlando.. inizia così: Sente Orlando che la morte lo sopraffà,
giù dalla testa sul cuore gli discende. ….aiutatemi x favore

25 10 2007
Anna

LA PARAFRASI DEL PRIMO CANTO? NO EH?
Vabbè..

27 10 2007
Manuele92

oddio mi serve una mano nelle 21 lettere dell’alfabeto…non mi ricordo la quattordicesima lettera dell’alfabeto…vi prego aiutatemi è questione d vita o di morte… VVB!

20 01 2008
Ale

grz x tt quello ke avete fatto x me siete magnifici vi voglio 1 mondo di bn xò l’unica cosa di cui mi è disp è quella ke nn ho trovato la manifestazione di follia in orlando furioso

10 03 2008
*Rinetto*

Ciao ragazzi….mi potreste trovare la parafrasi di : La Fuga di Angelica? primo e secondo canto…al primo dal verso 72 a 77 e poi al secondo dal 3 al 12….arrivederci e grazie!!!!!!!!!!!1

22 04 2008
k@t

Grazie del vostro aiuto ho preso 10!!!!

7 05 2008
lisa

scusate raga…..se mi potete aiutare,volevo sapere quali figure retoriche ci sono nell’opera angelica di ariosto…è urgente…………..vi prego aiutatemi……….domani ho il compito…..fate presto.grazie attendo le vostre notizie

19 05 2008
sebastiano

scusate se mi potete aiutare avete la traduzione scritta di angeli ca e medoro?

24 09 2008
maddalena

ciao a tutti.. scusate ma qualcuno mi può dare una mano per la parafrasi del primo canto dell’orlando furioso dalla 5° alla 27° ottava?

22 10 2008
camilla

ma chi li mette questi appunti così scadenti su internet?

15 01 2009
eddy

scusatemi!!! mi servirebbe la parafrasi de”l’orlando furioso” il duello tra Atlante e Bradamante canto 4° dalla 16° alla 29°ottava…..è urgentissimo….grazie anticipato…

27 01 2009
milannet

grazie

17 02 2009
samuel

ma morite tutti quanti nn c’è nnt de bono qua .. ma vaffanculo va

12 05 2009
felicia

per favore potete aiutarmi… mi serve la parafrasi del “la fuga di angelica” dalla 5 alla 7… per favore mi serve per domani… aiutatemi per favore…

14 05 2009
terry

x favore mi servirebbe la parafrasi della morte di orlando che inizia con:il conte orlando con grande pena e affanno…

17 11 2009
ROBERTA

grazie tante della parafrasi

24 11 2009
Manu

Grazie tante siete fantastici!!!!!!!!!!!!!!

5 02 2010
giusy

mi potete scrivere la sintesi della fuga di angelica .. vi prego è per domani.. risp

11 03 2010
corto maltese

cosa simboleggiano l’alba e la grotta nella pazzia di orlando

21 03 2010
Giuly

scusate è…ma questo è il 1° canto nn il 2°

11 04 2010
JuNi

sisi…=)
a me servirebbe il 2° entro mercoledi…
Grx,,>.>

11 04 2010
JuNi

oh si lascia le mutandee
ah ah
w la patataaa

27 09 2010
jacopina98

mi servirebbe la morte di orlando..inizia csi …..IL CONTE ORLANDOCON GRADE PENA E AFFANNO….

28 05 2012
giggina

nn è quella 😦

28 05 2012
giggina

la mia inizia:
ORLANDO PASSEGGIAVA IN RIVA A UN RIVO. VEDE CHE I TRONCHI…….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: